Durante le attività educative “terapia di orientamento alla realtà” e “gruppo ascolto”, attraverso immagini ed utensili di un tempo (torchi, tini..), i nostri ospiti   sono stati invitati a rievocare momenti di vita legati alla raccolta dell’uva. Tutto ciò ha permesso di far riemergere il ricordo del duro e faticoso lavoro ma al contempo il clima festoso che si riusciva a creare attraverso canti e vari momenti di convivialità.

Grazie ai loro suggerimenti sono state ricreate nel laboratorio le diverse sequenze del ciclo della vendemmia, dalla pigiatura a mano all’utilizzo del torchio, per arrivare al travaso nella botte ed al primo assaggio del “novello”.

Le emozioni sono state tante e varie, potendo i nostri ospiti toccare con mano i grappoli d’uva, sentire il profumo del mosto, collaborare insieme con l’allegria e l’aria festosa di un tempo e, alla fine, assaporare il prodotto realizzato.

Potrebbero interessarti:

Regaliamo il Natale

Per la RSA Madonna di Porto è ormai una tradizione festeggiare il Natale insieme ai suoi ospiti, una festa così ricca di suggestioni, emozioni e ricordi, in cui si condividono i sentimenti più profondi e veri. Creare un’atmosfera familiare e rendere i nostri nonni protagonisti attivi sono stati ancora una volta gli obiettivi principali del …

Accanto a noi con il cuore a tutto volume

L’angolo della musica, uno spazio dove darsi appuntamento con il coro “Verdi Note” del centro diurno di Spezzano Albanese, che dopo il grande successo del concerto natalizio 2018,  ha nuovamente allietato e coinvolto tutti i presenti  in occasione della Santa Pasqua . Il significato e l’importanza di questo coro di voci bianche va al di …